Cerca nel Blog e Testo

Chi siamo | Farmacie di turno | Numeri utili | IL Meteo | Oroscopo | Mazara News Tv | Mazara | Marsala | Campobello | Petrosino

Marsala, “Strage di Ustica”. Commemorate le vittime del disastro aereo

Assieme ad Associazioni e Cittadini, presenti il prefetto Priolo e il sindaco Di Girolamo.
(Mercoledì 28 Giugno 2017)
Marsala - Con una significativa cerimonia sono state commemorate ieri, a Marsala, le vittime del disastro aereo del 1980,
in cui persero la vita 81 persone. Meglio conosciuta come “Strage di Ustica” (il DC9 dell'Itavia, all'atto dell'esplosione, sorvolava l'isola siciliana), in quel volo c'erano pure tre concittadini, come ricorda la lapide collocata a Capo Boeo. Ed è proprio qui che, anche quest'anno, si sono uniti nel ricordo Istituzioni, Associazioni e Cittadini per far si che non si dimentichi una triste pagina della storia italiana, tenuto conto che molti misteri circondano ancora l'accaduto. Non a caso, la lapide commemorativa è dedicata anche alla memoria “di tutti coloro che hanno perso la vita nella ricerca della verità”. Dopo gli interventi del Prefetto di Trapani Giuseppe Priolo e del sindaco Alberto Di Girolamo, l'iniziativa – coordinata da Davide Piccione, responsabile del locale presidio di “Libera” - è proseguita con la lettura dei nomi delle persone (molti i giovani e i bambini) decedute sul volo che, il 27 giugno di 37 anni fa, da Bologna avrebbe dovuto raggiungere Palermo. Poi la premiazione dei partecipanti al quadrangolare di calcio e alla regata – con consegna degli attestati da parte dell'assessore Clara Ruggieri e del consigliere comunale Linda Licari - la benedizione di padre Giuseppe Ponte e il lancio dei fiori nelle acque che bagnano la zona delle “due rocche”. Il programma “Ustica, per non dimenticare”, avviato sabato scorso con la mostra curata dal prof. Enzo Campisi, si è concluso ieri sera con un apprezzato concerto musicale al Monumento ai Mille.


Alessandro Tarantino

Nessun commento:

Posta un commento

Non perderti una notizia su Mazara. Segui Mazaranews.blogspot.it su Facebook e su Twitter