Cerca nel Blog e Testo

Chi siamo | Farmacie di turno | Numeri utili | IL Meteo | Oroscopo | Mazara News Tv | Mazara | Marsala | Campobello | Petrosino

Un ponte virtuale tra Petrosino e la Tunisia con l’opera “Mare Nostrum” dell’architetto italiano Palmizi

La scultura è stata presentata al Festival Internazionale delle Arti Mediterranee di Hammamet.
(Lunedì 5 Giugno 2017)
Petrosino - Installata su una banchina del lungomare tunisino tra Nabeul e Hammamet l'opera "Mare Nostrum" dell'architetto
italiano Girolamo Palmizi. Si tratta di un pilastro scultura che lui stesso definisce “Un vivo messaggio di pace e di dialogo tra la Sicilia e la Tunisia”, installato qualche settimana fa a seguito della presentazione del suo progetto al Festival Internazionale delle Arti Mediterranee di Hammamet. La sua opera gemella si trova proprio a Petrosino, al Biscione, e nel 2015 ha vinto il premio internazionale "Art's Oasis".

L’idea di Palmizi è stata quella di realizzare un ponte virtuale tra la Sicilia e la Tunisia, lanciando un forte messaggio di dialogo e amicizia, di pace e di speranza per questo nostro mare, oggi pieno di conflitti e atrocità. I due pilastri scultura ora si guardano a distanza, ma restano uniti da un unico messaggio: “Che questo mare nostro – sostiene l’architetto Palmizi -, di noi tutti che vi abitiamo intorno, possa ritornare ad essere come più volte è stato nel passato un mare che unisce, un luogo di incontro e di civiltà”.

L’addetto stampa

Roberta Matera

Nessun commento:

Posta un commento

Non perderti una notizia su Mazara. Segui Mazaranews.blogspot.it su Facebook e su Twitter