Cerca nel Blog e Testo

Chi siamo | Farmacie di turno | Numeri utili | IL Meteo | Oroscopo | Mazara News Tv | Mazara | Marsala | Campobello | Petrosino

Contratto di servizio tra Regione Siciliana e Trenitalia. D’Alì: «Una nuova minaccia per Trapani»

(Martedì 6 Giugno 2017)
Trapani - «Apprendiamo dalla stampa che il 15 o il 16 giugno dovrebbe essere firmato un nuovo contratto di servizio fra
Trenitalia e l'assessore ai trasporti della Regione Siciliana che prevede soluzioni cervellotiche e di minima per risolvere il problema del collegamento veloce fra Trapani e Palermo via Milo, non tenendo neanche conto della primaria esigenza di definire una linea veloce tra l'aeroporto di Birgi e quello di Punta Raisi». Lo comunica il Senatore Antonio d’Alì, candidato Sindaco di Trapani alle elezioni di domenica 11 giugno.

«Ciò nonostante la Regione abbia già recepito il piano di area vasta dei trasporti della Sicilia occidentale che tra le sue priorità prevede proprio la realizzazione di questa linea veloce fra i due aeroporti – aggiunge il Senatore d’Alì -. Riteniamo peraltro politicamente scorretto che quest'intesa avvenga senza una consultazione degli Enti locali e, in particolare, senza attendere il rinnovo dell'amministrazione comunale di Trapani per la quale notoriamente il tema dello spostamento della stazione ferroviaria e della realizzazione della linea veloce è posto all'attenzione del mio programma elettorale, in maniera prioritaria».

«Sarebbe ancora una volta spiacevole – conclude d’Alì - che la città di Trapani, piuttosto che essere ascoltata, debba rivendicare i suoi diritti ad una progettazione condivisa sul suo territorio attraverso ricorsi giudiziari, come già accaduto per il Piano paesaggistico. Che la Regione dimostri la sua assoluta insensibilità nei confronti delle legittime aspirazioni del territorio trapanese è cosa purtroppo già nota e accaduta, ma che adesso a questo modo di procedere si accodi anche Trenitalia diventa ancora più spiacevole e direi inquietante».

Comunicato stampa

Nessun commento:

Posta un commento

Non perderti una notizia su Mazara. Segui Mazaranews.blogspot.it su Facebook e su Twitter